19-24.1.2020 Stage culturale a Londra


Studenti delle classi 5 H e 5 O prendono parte allo stage culturale a Londra dal 19 al 24 gennaio 2020.

Lo stage culturale, al pari dello scambio culturale, si configura come un progetto ideato e realizzato da docenti della scuola su contenuti e obiettivi di apprendimento destinati a uno specifico gruppo di studenti. I docenti referenti del progetto ne curano ogni aspetto (logistico, didattico, culturale, comunicativo).

Tra gli obiettivi dello stage culturale 2020 a Londra vi sono:

- applicare sul campo le competenze linguistiche raggiunte dagli studenti attraverso lo studio curriculare. In particolare COMPETENZE DI SPEAKING (descrizione di musei, quartieri, monumenti, edifici storici) e WRITING (redazione di schede di lavoro, articoli di opinione, articoli di cronaca, interviste);

- imparare ad orientarsi in una metropoli straniera;

- fare esperienza diretta di musei e luoghi storici, custodi unici della storia e della tradizione culturale europea.

Gli studenti e le docenti, Prof.sse M.R. Fasanelli e M. Rizzo, integrano sin dall’inizio dell’anno scolastico, l’esperienza all’estero nelle programmazioni di Lingua e Cultura inglese e di classe.

Prima della partenza, gli studenti contribuiscono alla ricerca delle informazioni sui luoghi da visitare e alla pianificazione del programma culturale e di studio.

Durante il soggiorno nella capitale britannica, alloggiati in un ostello della gioventù ospitato da una struttura storica e centrale (zona King’s Cross), gli studenti sono protagonisti del programma culturale e di studio pianificato:

- a turno studiano quotidianamente i percorsi a piedi o con i mezzi pubblici (metropolitana, bus) e guidano il gruppo;

- selezionano, presentano e visionano le opere assolutamente da non perdere di Tate Britain, National Gallery, British Museum, Tate Modern, Wellcome Collection;

- assistono a una seduta della House of Commons nel Palazzo di Westminster dedicata al sistema educativo (tra le domande poste dai parlamentari al Secretary of State for Education vi è: “ Cosa ne sarà del programma Erasmus+ dopo la Brexit”);

- interagiscono con la guida, Mr. Vincent Edward Manda, nel corso delle due mattinate di tour letterari organizzati espressamente per il gruppo. I temi scelti sono integrati nelle programmazioni di classe delle classi quinte (“Il ruolo dell’intellettuale e dell’artista”, “Le avanguardie”) e nella programmazione di inglese (“La Londra di T.S. Eliot e di V. Woolf e del Bloomsbury Group”);

- intervistano, sempre in inglese, tre lavoratori di origine italiana che operano a Londra: la Dottoressa Marta Di Forti, ricercatrice dell’Istituto di Psichiatria del prestigioso policlinico del King’s College; Giorgio Cassano, gestore di due bar in un esclusivo hotel 5 stelle di Chelsea; Michelle Gentili, manager di un ostello della gioventù al centro di Londra. Tutti gli intervistati, oltre a raccontare le caratteristiche del loro lavoro e della loro vita nella città, hanno modo di esprimersi sulla Brexit e sul futuro dei lavoratori italiani nel Regno Unito;

- prendono parte a due sessioni di redazione di articoli in lingua inglese su vari aspetti dell’esperienza londinese (gli articoli degli studenti vengono pubblicati sul Twinspace del progetto eTwinning 2019-2020 "Tracing and shaping our linguistic cultural heritage: prose writers and journalists").

Oltre all’intenso programma culturale, non mancano puntate ad altre attrazioni della città: il binario 9 3/4 di Harry Potter, Carnaby Street, Notting Hill, lo Skygarden, Covent Garden, Piccadilly Circus, Tower Bridge, London Bridge, Millenium Bridge and London Eye, Portobello Road, Camden Town, St. James’s Park.

Ultimo Aggiornamento: 25 gennaio 2020

« Giugno 2020 »
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5